Aprile Amore by Mario Luzi

There’s just something about Mario Luzi’s poetry that truly moves me. Here’s another one of my favorite poems – in Italian and English. It’s quite melancholy, but beautiful nonetheless. I apoligize for my poor translation, but I must say it’s better than Google Translate.

Enjoy.

April


Aprile – Amore (Italian)

Il pensiero della morte m’accompagna
tra i due muri di questa via che sale
e pena lungo i suoi tornanti. Il freddo
di primavera irrita i colori,
stranisce l’erba, il glicine, fa aspra
la selce; sotto cappe ed impermeabili
punge le mani secche, mette un brivido.

Tempo che soffre e fa soffrire, tempo
che in un turbine chiaro porta fiori
misti a crudeli apparizioni, e ognuna
mentre ti chiedi che cos’è sparisce
rapida nella polvere e nel vento.

Il cammino è per luoghi noti
se non che fatti irreali
prefigurano l’esilio e la morte.
Tu che sei, io che sono divenuto
che m’aggiro in così ventoso spazio,
uomo dietro una traccia fine e debole!

È incredibile ch’io ti cerchi in questo
o in altro luogo della terra dove
è molto se possiamo riconoscerci.
Ma è ancora un’età, la mia,
che s’aspetta dagli altri
quello che è in noi oppure non esiste.

L’amore aiuta a vivere, a durare,
l’amore annulla e dà principio. E quando
chi soffre o langue spera, se anche spera,
che un soccorso si annunci di lontano,
è in lui, un soffio basta a suscitarlo.
Questo ho imparato e dimenticato mille volte,
ora da te mi torna fatto chiaro,
ora prende vivezza e verità.

La mia pena è durare oltre quest’attimo.

_______________________________________________________

April – Love (English)

The thought of death accompanies me
between the two walls of this street,
which moves and pains along its curves.
The spring cold irritates the colors,
stuns the grass, the wisteria,
makes the flint harsh; under hoods and shelters,
it pricks dry hands and sends a chill.

Time that suffers and makes suffering, time
that in a clear whirlwind, brings flowers
mixed with cruel appearances, and each one,
while you ask what it is, quickly disappears
into the dust and the wind.

The path is for noted places
that if are not made unreal,
await exile and death.
You who are, I who have become,
I who roam in such a windy space,
a man behind an ending, weak trail!

It’s incredible that I look for you in this place,
or in any other place on earth where
we can recognize one another.
But it is still an age, my age,
that expects from others,
that which is us or does not exist.

Love helps us to live, to endure,
love cancels and gives us a beginning. And when
one suffers, or lifelessly hopes – if one hopes
that a rescue can be announced from afar,
then there is a breath enough big within him to awaken it.
This I have learned and forgotten a thousand times,
now from you this clear fact returns to me,
now it has vividness and truth.

My pain is to last beyond this moment.